Si è recentemente conclusa la VI edizione del premio Women Value Company, iniziativa nata dalla collaborazione tra la Fondazione Marisa Bellisario e l’istituto Bancario Intesa Sanpaolo, alla quale Imat Felco ha partecipato con grande piacere ed orgoglio.

Lo speciale riconoscimento è dedicato alle Piccole e Medie Imprese italiane che si sono distinte per politiche di sviluppo innovative e inclusive, per la capacità di valorizzare il merito e il talento femminile e per lo sviluppo di soluzioni efficaci di welfare aziendale.

Imat Felco – distributore di materiale elettrico, servizi e forniture specialistiche con sede a Como e punti vendita nelle province di Lecco, Milano, Monza Brianza, Sondrio e Varese – è una realtà a trazione femminile guidata dall’Amministratrice Delegata Elena Mantelli, che opera in collaborazione con un valente Consiglio di Amministrazione e un Team composto da 100 lavoratori.

Da diversi anni l’azienda si sta innovando, facendosi portavoce di un cambiamento organizzativo volto all’apertura verso le esigenze e i bisogni di ogni collaboratore. Formazione, inclusione e benessere del Team sono gli obiettivi aziendali che bene si affiancano ai piani di sviluppo sul territorio.

E proprio l’attenzione alla salute e alla qualità della vita dei propri collaboratori ha portato Imat Felco all’introduzione nel 2018 di un programma di welfare aziendale.
La piattaforma, pensata a supporto della vita personale e familiare dei dipendenti, offre ad oggi un’ampia gamma di beni fisici, servizi alla persona, istruzione e previdenza.

Ad Imat Felco quindi, in qualità di Impresa Finalista del premio istituito dalla Fondazione Bellisaro e Intesa Sanpaolo, è stato assegnato il riconoscimento “Women Value Company 2022 – Intesa Sanpaolo”, in virtù delle pratiche messe in atto per garantire a uomini e donne pari opportunità e percorsi di carriera.

È stato un onore per noi sapere di essere tra i finalisti premiati di questo prestigioso premio e tra le prime realtà classificate nel Nord Italia – sottolinea la Dottoressa Elena Mantelli – ma questo riconoscimento non è altro che il frutto di una consapevole scelta aziendale: quella di mettere al primo posto il benessere e l’inclusione delle persone”.